Ho davvero pensato che l’amore avrebbe potuto salvarci tutti

L´ho pensato molto spesso.

L´ho pensato e mi sono sentita salvata.

Come quando proprio mentre cadi ti accorgi che stai cadendo, e allunghi le braccia in avanti per proteggerti e attutire il colpo.

Esattamente quella sensazione, quella frazione di secondo, quel fermo immagine in cui inspiri di istinto, forte, trattieni l´aria, e poi ti accorgi di aver fatto in tempo.

Nessuna ferita. É tutto ok.

Ci sono dei momenti nella vita in cui non sembra esser rimasto altro. Momenti in cui questo “altro” é l´unica cosa che ti puó salvare.

Tutti ci passano prima o poi, tutti prima o poi toccano il fondo e tirano un sospiro di sollievo perché sanno che almeno l´amore é lí. Come un cuscinetto, un air bag delle disgrazie.

L´amore é quella cosa che dovrebbe sempre bastare per tener tutto in piedi, per contrastare il dolore, per riempire l´assenza. Spesso peró non é cosí.

Spesso l´amore non basta.

Ho dovuto ricredermi. Di lui, come di tante altre cose.

Non mi ritengo una persona cinica, ma ricordo molto bene le mie emozioni. Sono incamerate una ad una, quasi minuziosamente, come un inventario. E le ricordo, le rivedo nel corso delle giornate. Euforia, disagio, impazienza, delusione, paura, sollievo.

Dopo che ci siamo lasciate pensavo di non aver mai potuto amare nessuno come ho amato lei. Pensavo che non ci potesse essere amore cosí grande da poter farmi rifare le cose che ho fatto per lei, che ho fatto insieme a lei.

Sono passati mesi in cui mi chiedevo come il mondo potesse andare avanti come se niente fosse, come ognuno potesse portare avanti la propria vita, mentre io non sapevo nemmeno piú sorridere.

Ero estranea a me stessa, fuori da me.

Amando lei, ho perso me.

Finché ho messo un punto. Un punto lungo anni, lungo persone, volti, notti e mani….ma di me nemmeno l´ombra.

Possibile che l´essere umano non sia in grado di salvarsi da qualcosa che non lo ferisce a sangue? Possibile che non ci sia un modo per colmare il vuoto che l´amore sa lasciare?

Lo squalo é un capolavoro di ingegneria. Vive da prima dei dinosauri. Non ha 5 sensi, ma 7. É in grado di rilevare campi magnetici e cambiamenti di pressione nell´acqua.

Gli squali non dormono. Restano con gli occhi aperti, muovendosi più lentamente, ma mantenendo solo una parte del cervello a riposo.

Uno squalo bianco cambia 30 mila denti nell’arco della vita. Denti suddivisi in 3 file diverse, ognuna con un ruolo differente. Squarciare, tritare, sminuzzare. La mascella dello squalo non è direttamente fusa al cranio, ma é mobile. Si muove all´indietro in fase di attacco e in avanti in fase di deglutizione. Per permettere ció gli occhi slittano a loro volta all´indietro. Caccia in pratica ad occhi chiusi.

Sono ai vertici della catena alimentare. La posizione piú alta della loro, é solo quella umana.

L´essere umano non ha 7 sensi, non é fatto completamente di cartilagine e non ha sensori su tutto il corpo che gli permettono di captare minacce esterne. Non é una macchina da guerra.

É al vertice della catena alimentare, nel 21esimo secolo decide chi vive e chi muore, clona cellule, ricrea tessuti, esporta organi, va sulla Luna, comanda eserciti, lancia bombe.

Ma non sa sopravvivere senza amore.

Senza amore l´uomo non é niente. E io questo l´ho capito non a causa della sofferenza ma grazie a lei.

L´ho capito quando mi sono ritrovata,

e ho compreso che il dolore é un mezzo per arrivare da qualche parte. Che il mondo va avanti non perché se ne frega ma perché la sofferenza non é il fine ma il mezzo. Che essersi persi amando non é amore, é malattia.

L´amore non basta quando amore non é.

Ci vuole tempo, ci vuole pazienza,  coraggio, ci vuole cuore. Si deve crescere e voler crescere.

Ho davvero pensato che l’amore avrebbe potuto salvarci tutti.

Lo penso quando la sento tornare a casa la sera, mentre io dormo giá. Quando la sento che mi guarda mentre dormo, perché lo fa.  Lo penso quando ci riempivamo le borse di bigliettini, come gli adolescenti. O ci lasciavamo le caramelle nella giacca. Lo penso quando sono arrabbiata con lei e so che tra poco non lo saró piú, perché non riesco.O quando le rubo il suo maglione preferito, e fa finta che gliene freghi qualcosa.

Lo penso quando so che non é vero che l´amore quando se ne va ti svuota. Lo pensavo. Ma ricominciando ad amarmi ho scoperto che l´unico amore che ti svuota é l´odio per sé stessi.

Solo col cuore in avanti.

Solo quando arrivi al punto di non avere altra scelta, se non quella di avere coraggio.

Solo quando riesci finalmente a guardarti indietro e ad amarti comunque…..hai vinto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...